Il Gruppo fotografico l’espressione di Colverde (CO), nasce nel novembre del 2013.

Il fine primario del gruppo è quello di avvicinare i soci alla fotografia con un approccio alla tecnica base e allo studio della storia attraverso i 150 anni di vita del mezzo espressivo.

Operiamo principalmente nel territorio dell’ olgiatese, nella provincia di Como, organizziamo serate dedicate alla visione di fotografie dei soci, eventi dedicati a fotografi professionisti e serate di studio della tecnica dando spazio ai grandi autori del passato e del presente. Ci confrontiamo con altre realtà culturali sul territorio e organizziamo mostre fotografiche.


Il nostro intento è quello di evitare di cadere nel cliché del pittorialismo, non per presunzione ma per umiltà nei confronti  di un  fare fotografico consapevole.

Conoscere il mezzo e i suoi limiti apre nuovi orizzonti a infinite possibilità espressive, a patto di aver ben in mente cosa si vuole comunicare: come diceva Ansel  Adams,  “non c’è niente di peggio di un’immagine nitida di un concetto sfuocato“.

Muoviamo così i primi passi nel vasto territorio dell’indagine fotografica; le nostre guide sono i grandi autori storicizzati; le loro parole e le loro immagini saranno un’occasione per riflettere sull’atto fotografico, mantenendo vivo quel sano scetticismo critico che da un lato preserva da un’ingenua adorazione, e dall’altro stimola la voglia di approfondire per capire.





 

 

 

“La fotografia che mi emoziona comincia con l’istantanea: sono le fotografie di Lartigue”

Henri Cartier-Bresson

foto: Jacques Henri Lartigue – The ZYX Takes Off, Rouzat, September, 1910.





 

“Basta un passo per scoprire qualcosa che prima era nascosto; al passo successivo un oggetto davanti a noi si sposta di fronte a un altro che si vede in lontananza. Con un passo la descrizione della profondità si accentua; con un altro e si attenua.
Portando l’ordine in questa situazione, un fotografo risolve un’immagine piuttosto che comporla.”

Stephen Shore

foto: Stephen Shore, Main Street, Redfield, South Dakota, July 13, 1974





 

 

“La fotografia sembra ora in uno stato di sospensione… Ciò che è familiare appare estraneo e ciò che non lo è grottesco. Il fotografo della domenica si impone atteggiamenti innaturali”

foto: Dorothea Lange (American, 1895–1965)

Daughter of Migrant Tennessee Coal Miner Living in American River Camp near Sacramento, California, 1936